Pane carasau

Uno dei pani maggiormente conosciuti della Sardegna è senza dubbio il "carasau". Dai turisti è conosciuto come carta da musica, per via dello spessore sottilissimo, che infatti non può superare i tre millimetri. La sua produzione è concentrata nelle aree interne dell'Isola e in particolar modo in alcuni comuni tra cui Oliena, Dorgali, Gavoi e Desulo. In questi paesi sono numerose le donne che ancora producono artigianalmente questo pane. Anche la lavorazione a fini commerciali, comunque, rispecchia ancora le antiche tradizioni e arti di produzione. 

Nei paesi di montagna, il pane, per necessità, veniva preparato in modo che i pastori potessero consumarlo durante la transumanza, lungo periodo di lontananza da casa, e dunque era destinato a durare per mesi. Nel mondo agro pastorale questo prodotto è consumato con il formaggio di pecora e di capra. Il connubio, oggi riscoperto da numerosi ristoranti sardi, è una autentica delizia per il palato. Il pane "carasau" è ancora oggi diffuso in tutta l'Isola e si può trovare nei migliori ristoranti. La prelibatezza di questo prodotto ha portato in tempi recenti ad un rapido aumento delle esportazioni in Italia e all'estero.

Produttori: