Funghi


Antunna, Cardolinu 'e petza, Pleurotus, Fungo della ferula, Tunniu 'e ferula, Ferulazzu, Tuntunniu 'e ferula, Fungo di carne, Corrorin'e petza

Cappello
Inizialmente convesso e con margine del pileo involuto, con lo sviluppo sempre più disteso e piano, 3÷15(20) cm, solitamente con stipite laterale e con depressione centrale del cappello pronunciata, la superficie periferica del cappello si presenta sinuosa, il bordo estremo è regolare con margine per lungo tempo ripiegato verso l'interno, normalmente il pileo è asciutto salvo un certa untuosità presente in condizioni di umidità atmosferica, policromo, da biancastro a brunastro più o meno scuro, spesso anche con tonalità grigiastre, segnato da decorazioni di varia natura, fibrille longitudinali e guttule.
Lamelle
Profondamente decorrenti sul gambo, abbastanza fitte e di scarso spessore, il margine estremo si presenta discontinuo, irregolare, i cromatismi più diffusi sono segnati dal bianco, dal grigio e dal crema, più o meno miscelati e soffusi, verso la parte esterna del cappello si apprezza la presenza di numerose lamellule.
Gambo
4÷10×1÷3 cm; rettilineo, solido come in tutti i funghi ad ecologia lignicola, spesso decentrato, in alcuni casi ripiegato, ampio all'attaccatura, tende ad assottigliarsi verso il piede; biancastro, presenta macule rugginose e riflessi ocracei, decorato con fiocchi miceliari al piede.
Carne
Candida, compatta, resistente ed elastica, sapore gradevole e dolciastro, odore fungino con lievi tonalità farinacee, sana e raramente attaccata dalle larve.
Habitat
Il suo habitat privilegiato è quello dell'area mediterranea più meridionale del territorio italiano, in particolare nel sud del paese e nelle isole, si sviluppa nei pascoli planiziali delle pecore e negli incolti, associandosi a molti generi della famiglia Apiaceae: Eryngium spp. var. eryngii), Ferula communis var. ferulae), Thapsia garganica (var. thapsiae) ed Elaeoselinum asclepium subsp. asclepium (var. elaeoselinii).
Microscopia
Fungo leucosporeo, spore che all'esame si presentano regolari e lisce, non amiloidi, da ellissoidali a subcilindracee, 10÷13×4÷6 µm.
Commestibilità o Tossicità
Si tratta di uno dei funghi più apprezzati in assoluto, eccellente commestibile, viene ricercato con intensità e risulta preferito a qualsiasi altra specie nei territori meridionali di crescita, esistono anche numerose coltivazioni artificiali di questa specie sia a carattere industriale che amatoriale.
Osservazioni
I siti di nascita sono generalmente munifici di costanti produzioni nei due periodi stagionali di nascita, quello autunnale e quello primaverile (in particolare per la var. ferulae e la var. thapsiae).
Nascendo a grappolo, a ventagli sovrapposti, la raccolta avviene attraverso la recisione alla base del gambo degli esemplari maturi, in questo modo si preservano per la successiva crescita tutti i soggetti immaturi presenti nello stesso contesto produttivo.

Produttori:

Azienda Agricola Funghi Belviesi di Dante Carboni
Via Aldo Moro 08030 Belvì
Tel 333-2896289

ORTOFRUTTA 95 S.r.l
loc.Manzoni c.p.20
07029 Tempio Pausania ( OT )
Tel 079/630197 - Fax 079/630918
www.ortofrutta95.com/